World Toilet day 19 Nov

L’anno scorso Bagnidalmondo.com è andato online a dicembre, dunque non ho fatto in tempo a parlarvene. Mi sono tenuta la bozza del post per un anno e ora finalmente posso comunicarvelo in diretta: oggi è il World Toilet Day, evento internazionale indetto dalla World Toilet Organisation (WTO).

L’organizzazione non-profit, fondata a Singapore nel 2001, ha istituito questa giornata mondiale per riportare l’attenzione delle persone su uno dei problemi sanitari più gravi del nostro pianeta: l’impossibilità per il 40% della popolazione mondiale di avere accesso ad un gabinetto.

Ve ne avevo già parlato in un articolo dedicato alla Peepoo Bag, innovativa proposta svedese per arginare il problema. E in un altro articolo vi avevo presentato Mr. Toilet, uomo che è stato presidente della World Toilet Organisation e che ha dedicato tutta la sua vita alla promozione della questione, trasformando addirittura la sua casa nel museo del Wc.

 

Un po’ di numeri – World Toilet Day

 

world-toilet-day-19-novembre

Al momento (2013) la World Toilet Organisation coinvolge circa 235 organizzazioni appartenenti a 58 Nazioni.

Nel 2011 ha ricevuto una donazione di 270.000 dollari dalla Fondazione Bill & Melinda Gates. 

250 milioni di persone non hanno accesso ad una stanza da bagno privata e pulita. 150 milioni di persone sono costrette a defecare all’aperto.

La conseguenza?

Diarrea, malattie respiratorie acute, infezioni – patologie in grado di uccidere un bambino ogni 20 secondi.

20 secondi.

Il tempo di finire la lettura di questo post e un altro bambino sarà morto perché non ha accesso ad un bagno. Mi vengono i brividi.

 

world toilet day 19 nov

(source 1| 2 | 3 | 4)

E la cosa più assurda è che la maggior parte di noi non ne sa nulla, o quasi. Siamo troppo impegnati a parlare di problemi che ci appaiono più gravi, quando forse non lo sono.

Dotare tutte queste popolazioni di impianti igienici contribuirebbe allo sviluppo globale. Si stima addirittura che 1 dollaro investito in sistemi sanitari sarebbe in grado di “fruttare” 5 dollari. Uno degli obiettivi della WTO è proprio quello di incentivare gli investimenti economici in questo settore, dimostrandone la redditività.

 

 

Cosa possiamo fare nel nostro piccolo?

Non ignorare il problema, ad esempio. Informarci, condividere la conoscenza e far sì che la questione possa essere “sentita” dal più alto numero di persone possibile.

Lo scorso 24 luglio il World Toilet Day è stato riconosciuto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

world Toilet day

 

È possibile sostenere la campagna della World Toilet Organisation in diversi modi:

  • Seguendoli su Facebook
  • Seguendoli su Twitter e usando l’hashtag #Igiveashit (sì, esatto, proprio quello).
  • Aggiornando il proprio stato sui social network con un post dedicato al tema, per sensibilizzare i propri contatti sull’argomento o anche solo per far conoscere il World Toilet Day.
  • Tenendosi informati sulle attività dell’organizzazione e/o partecipando agli eventi correlati – che, manco a dirlo, in Italia non ci sono (nel 2012 si è mobilitato mezzo mondo durante il “Big Squat“: migliaia di persone si sono inginocchiate per 1 minuto nelle piazze di diversi paesi).

australia-world-toilet-day

Un gruppo di volontari manifesta in una piazza di Sydney, in Australia (credits)

 

World Toilet day 2011 Amsterdam

Evento organizzato ad Amsterdam nel 2011 sponsorizzato dalla Simavi (credits)

 

world toilet dayOgni giorno si celebrano tanti eventi futili… io ho pensato che fosse il caso di farvi conoscere il World Toilet Day. Perché sì, parlo spesso di bagni di design, di arredo bagno… e questo può sembrare un problema che non ci tocca da vicino. Ma forse non è così.

Che ne dite, la smettiamo di restare a guardare? Aiutatemi a condividere l’evento e chissà che questo mondo un giorno sia un pochino migliore.

 

 

Fonti e siti per approfondire:

World Toilet dayWorld Toilet Organisation | Wikipedia | United Nations News Centre

Aggiornamento: il 20/11 è la giornata mondiale dei diritti del bambino, e oltre a ricordare i bambini che non hanno accesso ai servizi igienici è giusto ricordare i bimbi che non hanno nemmeno una cameretta. Ne parla Laura di Refresh Home Relooking.