biennale-venezia-arte-vasca-da-bagno

Un altro guest post del …Solito Lettore Anonimo

Questa volta  il  mio mitico lettore misterioso (che ormai è diventato un guest blogger!) è andato in visita alla Biennale  di Venezia 2013, e ha ben pensato di raccontarmelo in un post,  segnalandomi ovviamente tutto ciò che ha trovato di interessante per BagnidalMondo.

 

Visita alla Biennale 2013 – Venezia

 

Ebbene sì, stavolta BagnidalMondo incontra l’arte: non la solita mostra fatta di mobili e di design per l’arredo bagno (troppo facile…), ma una tra le più grandi esposizioni d’arte in Europa, ovvero la Biennale 2013 di Venezia.

Ma che c’entra la rassegna veneziana di arte contemporanea con il bagno? C’entra, c’entra…

Sappiamo quanto questo ambiente sia un luogo necessario per tutti – artisti inclusi – che spesso pongono il bagno, o concetti ad esso legati, al centro delle loro installazioni.

Pronti per partire, anzi per immergerci nell’arte moderna?

 

I giardini e il padiglione del Merchandising

Inizio curiosando nell’esposizione dei Giardini, e nel padiglione del merchandising dedicato alla mostra trovo tra i libri una confezione di un detersivo oramai introvabile in Italia: il mitico Tide americano (ma dico… che ci fa tra i libri?).

 

Biennale-Venezia-2013-Bagnidalmondo-in-visita-Tide-tra-i-libri

Nel raccogliere depliant e foglietti vari mi viene in mente che il bagno sarebbe un luogo perfetto per mettere i promemoria, visto che è il primo ambiente domestico che visitiamo la mattina. E mentre faccio questo ragionamento ecco che compaiono dei raccoglitori di ritagli che richiamano questa mia idea: non sarebbero perfetti per riordinare idee e progetti nella stanza da bagno?

 

Biennale-Venezia-2013

In un altro padiglione un’opera un po’ osée descrive come l’uomo espleta i propri bisogni fisiologici più leggeri… potevo non scattare la foto di rito?

 

Biennale-Venezia-2013-uomini-che-fanno-pipì
Intanto il sole fa capolino e inizia a scaldare (era ora…) ed allora cosa c’è di meglio di un bel bagno rinfrescante nella vasca artistica?

 

Biennale-Venezia-2013-Domenico-Gnoli[Opera di Domenico Gnoli -Ndr]

Uff! Dopo un bel po’ di giri ci vuole un po’ di pausa al bar – ovviamente al bar degli artisti – che con il bagno c’entra poco ma non di solo bagno vive l’uomo…
Mi riprendo e mi viene in mente che oggi dalla fretta non mi sono fatto la barba ma… poco male, visto che ci sono un centinaio di lamette da barba appese ad una parete, forse non sterilizzate e forse già usate, ma sono artisti… e cresceranno.

 

Biennale-Venezia-2013

Bella la colonnina di lampade che vedo in un altro padiglione, quasi quasi la metto in bagno, dove, si sa, la luce non è mai troppa.

Biennale-Venezia-Ai-Weiwei-Bang

[Trattasi dell’opera di Ai Weiwei, Bang– NdR]

In ogni bagno che si rispetti c’è uno sgabello dove mettere lo stretto necessario per asciugarsi o cambiarsi: non è che avete uno sgabello in più da prestarmi?

La doccia di monete… per sole donne 

 

Ahh che fatica visitare le mostre, meno male che in un padiglione c’è la possibilità di fare una doccia di… monete (che tassativamente non si possono prendere, anche se non sono di corso legale); peccato che solo le donne abbiano questa possibilità, i maschietti come me possono solo vedere la doccia dall’alto ed immaginare.

Biennale-Venezia-2013-Vadim-Zakharov-Danaë-pioggia-monete

[Trattasi dell’opera di Vadim Zakharov, Danaë – NdR]

 

Il padiglione della Corea

Terminato il mio semi-reportage semi-serio dico che, BagnidalMondo e arte a parte, la Biennale è una mostra da vedere e da gustare almeno una volta nella vita perché come tutte le opere artistiche suscita comunque delle emozioni; e pazienza se nel padiglione della Corea dopo aver fatto 20 minuti di coda fuori, tolto le scarpe per entrare, atteso altri 15 minuti all’interno del padiglione… mi hanno poi fatto accomodare in una camera anecoica totalmente al buio per un solo minuto proponendomi il silenzio assoluto come una forma artistica (ma lo hanno inventato i coreani il silenzio?)…
Valli a capire certi artisti.

…alla prossima “missione”.

Venezia-Biennale-2013-Bagnidalmondo