In occasione del Fuori Salone 2013 il noto marchio di rubinetteria italiana Gessi ha inaugurato il suo nuovo showroom milanese, in cui sono stati allestiti 7 spazi diversi con altrettante diverse ambientazioni, tutte caratterizzate da richiami a culture differenti. Per pubblicizzare l’evento è stata organizzata una sorta di mostra all’interno dell’esposizione, chiamata “Bagni del mondo“.

Per la serie “mi ricorda qualcosa“. 

Ma cominciamo dall’inizio: un’amica sabato mi segnala un articolo su LaRepubblicaMilano.it, che si intitola “Il giro del mondo in sette bagni: le toilette di design nelle capitali”. Penso “Evvai, un articolo interessante in linea con il blog!” e mi catapulto a leggere:

“Il giro del mondo in sette bagni: le toilette di design nelle capitali”

La galleria presenta 15 immagini scattate nel nuovo concept store monomarca. Il testo recita così: “Un viaggio attraverso il globo alla scoperta del bagno. Sette capitali per raccontare il modo di concepire la cura del corpo nelle varie culture del mondo […].

Dove l’ho sentita questa? Rileggo.

Bagni-dal-mondo-e-bagni-del-mondo

via: milano.repubblica.it

Inizio ad agitarmi, ma penso “ma no, dai. Sto esagerando, sono un po’ troppo presuntuosa. In fondo le parole per descrivere una cosa del genere possono venire in mente a tutti.”

Va beh, però nel dubbio inizio ad incavolarmi. Così – per dare un po’ di pepe alla giornata. Decido di approfondire. Una brevissima ricerca su Google e trovo un secondo articolo:

Fuorisalone, Gessi e i “bagni nel mondo”

Bagni-del-mondo-imita-bagnidalmondo

Via: cafelab.blogspot.it

Il titolo già mi fa diventare verde (presente Hulk? Immaginatevelo con gli occhi a mandorla). Ma cambiando una vocale e una consonante devo stare zitta. Va beh, leggiamo anche qui il testo.

“[…] Gessi rappresenta e interpreta con sette installazioni le diverse atmosfere del Mondo nell’ambiente più intimo della casa: il bagno. E’ un viaggio attorno al mondo e alle diverse culture legate alla stanza adibita alla cura del corpo. […]”

 Un caso? 

Massì, dai. Continuiamo.

“Fuorisalone 2013 Milano: Gessi presenta la mostra evento “I Bagni del Mondo”, le foto”

Gessi-e-i-bagni-del-mondo-imita-bagnidalmondo

via: designandstyle.blogosfere.it/

Evvai, qui cambia solo una vocale – ci siamo quasi! Dal “giro del mondo in 7 bagni” ai “bagni nel mondo” ai “bagni del mondo”.

Continuando a navigare ho trovato poi altri articoli che descrivono l’evento, con parole molto simili; suppongo che l’ufficio stampa dell’azienda abbia fornito il testo originale, straordinariamente simile a quello di Bagnidalmondo. Suppongo, eh.

Una coincidenza?

Continuo a spulciare in rete.

Nella bacheca del sito dedicato al Fuori Salone si legge esattamente così: “[…] il percorso “I Bagni del Mondo“. Un viaggio tra le diverse culture e modi di vivere la stanza da bagno in diverse zone del pianeta […]”.

Mi ripeto in mente le parole con cui descrivo in home page (e in giro per il blog) Bagnidalmondo: “[…] un viaggio virtuale nei bagni di tutto il mondo, per scoprire come luoghi e culture differenti influenzino il modo di concepire, vivere e arredare l’ambiente più intimo della casa”. Le stesse parole si possono ritrovare anche in altre pagine del blog.

Bagnidelmondo-Bagnidalmondo

via: gessi.it

Sono andata anche sul sito dell’azienda, dove l’evento viene pubblicizzato con l’immagine che vedete qui a sinistra.

Non so esattamente cosa pensare. Sicuramente a tanti può venire in mente una stessa frase, con parole simili, rimescolate tra di loro.  Però mi sembra assurdamente simile. E non mi riferisco tanto al nome dell’evento quanto alle parole con cui è stato descritto e pubblicizzato in rete. Mi sforzo di credere che sia solo un caso.

Bagnidalmondo è frutto del mio lavoro, di un’idea e di costanti ricerche di contenuti e informazioni. Il dubbio che qualcuno abbia preso (più di qualche) ispirazione senza neppure citarmi o contattarmi mi da fastidio, e non poco.

Avrebbe potuto essere perfino una bella collaborazione. Pensare che la settimana scorsa durante la mia visita al Fuori Salone avevo in lista anche di andare al loro showroom… non ce l’ho fatta solo per questioni di orario. Peccato, perché ne sarei stata entusiasta e ne avrei fatto un bellissimo post… un post perfetto per Bagnidalmondo.

Ora – giro a voi il mio dubbio, chiedendovi se è lecito: la straordinaria similitudine dei testi potrebbe essere un caso? Una coincidenza insolita e incredibile? Sono io che sto esagerando?