Toilet sign Malaysia

Un altro viaggio affascinante seguito virtualmente grazie alla rete.

Come vi raccontavo qualche post fasono stata invitata da Barbara Perrone di Tec Monza a seguire il tour che ha organizzato con il marito in terra malese. Barbara, insieme a Davide Tiezzi (fotografo, nonché suo marito!), ha visitato alcuni dei luoghi più belli della Malesia, fotografando per me alcune sale da bagno che mi hanno lasciata a bocca aperta.

Durante il viaggio ho collezionato le immagini che mi mandavano su Pinterest.  Oggi però ve le mostro qui – così restate a bocca aperta anche voi (ché, mi volevate lasciare da sola?!).

 

I bagni malesi: intervista a Barbara Perrone

Straits Colleclion - Penag

  • Qual è la prima cosa che ti viene in mente se pensi ai bagni malesi?
“Per la prima volta grazie al progetto con BagnidalMondo, abbiamo osservato sotto un nuovo punto di vista una nazione. Siamo andati oltre la semplice curiosità. Pensiamo certamente a quanti bagni, o meglio sale da bagno particolari abbiamo visto. Non solo bellezza di interior design, ma in alcuni casi anche paesaggistica. Viste mozzafiato su paesaggi urbani, anche mentre ci si lava i denti! Bellissimo avere a disposizione docce  da 4mq o in abbinamento alla vasca. Di fatto quest’ultima mai utilizzata, ma il solo vederle genera il wow factor, è come toccare con mano ambientazioni da rivista.”
  • Parliamo dei bagni pubblici: il servizio è efficiente? Prestano attenzione al design dei servizi pubblici? Sono puliti? (dimmi tutto ciò che hai notato – sono troppo curiosa!)
“Come spesso accade e come da te accennato qualche post fa, anche in Malesia abbiamo riscontrato un alto livello di pulizia e piacevolezza estetica. Dalle porte ai lavabi, ai dispenser fino alle piante di orchidee tutto molto ricercato e talvolta anche innovativo. A Singapore ad esempio all’interno dei centri commerciali sembra che ci sia una gara per chi ha i bagni più funzionali! E attenzione: sono sempre gratuiti, con la presenza di bagni dedicati non solo ai disabili, ma anche bagni pubblici per bambini e aree per il cambio/fasciatoio.”
public toilet Malaysia
…Sbaglio o vedo l’indicazione per l’area fasciatoio anche nel bagno degli uomini?! Fantascienza! 
  • I bagni delle strutture che avete visitato sono spettacolari. Sono rimasta senza parole. Cosa li accomunava e cosa invece li distingueva?
“Erano accomunati tutti dall’immancabile doccino laterale [idroscopino, NdR], che non viene utilizzato come bidet, ma al posto dello scopino. Avendo quest’ultimo un getto molto forte, ne assolve la funzione di pulizia sia del water che della pavimentazione.*
Il tratto distintivo di ognuno è che si percepiva lo spirito del luogo per il quali erano stati pensati. Penso dalla spettacolare sala da bagno di 15 mq del Macalister Masion o al bagno urbano con doppia doccia all’aperto dello Straits Collection, fino a quello storico del Noordin Mnews con le maioliche originali dei primi del ‘900, appartenenti a quella che era una longhouse (abitazione/attività commerciale) oggi riconvertita in dimora di charme.”
*NdR: Doccetta e idroscopino sono due cose differenti. La prima ha funzione di bidet, mentre il secondo sostituisce il classico scopino [orrido], più igienico e più efficiente. Ovviamente ha un getto fortissimo, quindi… beh, non rischiate di usarlo per farvi il bidet.
  • Che mi dici del bidet??
“Il bidet non esiste! Anzi in un caso abbiamo trovato direttamente una doccia! Tipo camper!! All in one!”
  • Il bagno più bello e il bagno più brutto?
“Il bagno più bello, mi ripeto, quello del Macalister Masio (in foto, sotto), un boutique hotel di 8 stanze, che da solo vale il viaggio. Una cosa che ho amato in questo luogo gli accappatoi di taglie differenti tra uomo e donna e il timbro a secco sull’inizio del rotolo carta igienica. Non so se hai presente. Alcuni piegano la carta a punta, altri ci mettono l’adesivo… e loro invece piegano a punta e lo fermano con questo timbro speciale.”
Mcalister Masion Hotel- Penang - bathroom
  • Siete mai stati in case private? Se sì, avete visitato il bagno?
“Si siamo stati in case private, ma qui si aprirebbe un argomento ampio sul significato di casa. Abbiamo infatti riscontrato che i fattori climatici e sociali fanno sì che quello che per noi è un luogo dal quale tutto parte come espressione e rappresentazione della propria personalità, per loro è semplicemente un luogo. La facilità di accesso e l’economicità del cibo, fa si che molte delle persone che abbiamo incontrato abbiano poca idea di come si cucini, con tutto quello che ne deriva. Non spendendo molto tempo in casa, non viene curata per come la intendiamo noi, ma viene vissuta solo come luogo di transito tra lavoro e le attività di svago e interessi culturali.”
(ne deduco che i bagni privati non siano “degni” di menzione).

Bagni dalla Malesia: l’album

Bene, io ringrazio tantissimo Barbara e Davide per la possibilità che mi hanno dato di seguire il loro tour della Malesia curiosando nelle sale da bagno.
Devo ammettere che non mi aspettavo tanta pulizia e tanta attenzione per il design in bagno. Certo, la maggior parte degli hotel in cui sono stati sono di standard molto elevato, ma a ben guardare perfino il bagno dell’aeroporto di Singapore (foto sopra) è impeccabile.
Non c’è che dire… è questione di cultura.
Al prossimo toilet tour 😉