Capita frequentemente nelle ristrutturazioni di un bagno lungo e stretto, anche se sempre più spesso si tratta di una soluzione progettuale voluta e studiata sin dall’inizio: la zona doccia davanti alla finestra permette di sfruttare l’intera larghezza del bagno ottenendo un box di dimensioni comode. Ma qual è il modello più adatto in questo caso? Che tipo di apertura scegliere? Ne parliamo in questo post (grazie anche allo zampino di Megius).

 

Zona doccia davanti alla finestra

Lisboa | Portugal – Credits – Zona doccia davanti alla finestra

 

La situazione è quella illustrata nell’immagine qui sopra: per sfruttare la larghezza di un bagno lungo e stretto si decide di collocare la zona doccia davanti alla finestra. Esclusa a priori fino a qualche tempo fa, è una soluzione che invece oggi piace moltissimo, a patto di fare le cose per bene.

La tipologia di chiusura della doccia dovrà dunque essere scelta considerando la necessità di accedere facilmente alla finestra e di tenere dunque il bagno arieggiato il più possibile.


Le caratteristiche che un box doccia davanti alla finestra dovrebbe avere a mio avviso dunque sono:

♦ Trasparenza

♦ Assenza di binari/profili superiori

♦ Assenza di binari/profili inferiori

♦ Apertura che consente aerazione al bagno e accesso alla finestra


 

Zona doccia davanti alla finestra

Barcelona | Spain – Credits – Zona doccia davanti alla finestra: questo secondo me è uno dei casi più fortunati, la finestra è alta e non disturba più di tanto.

 

TRASPARENZA

La trasparenza forse non viene in mente subito, e magari non è un elemento oggettivo ma per come la vedo io scegliere un box doccia opaco davanti alla finestra toglie luce al bagno e lo fa sembrare più piccolo e corto. Più in basso un’immagine vi farà capire meglio cosa intendo. Anche se qui si tratta di gusti.

ASSENZA DI BINARI

Per quanto riguarda l’assenza di binari, specifico che oggi esistono tante collezioni di cabine doccia con telai dal minimo ingombro che incidono poco sul risultato estetico ma vanno fatte valutazioni di caso in caso: il telaio inferiore dovrà essere assente o sottilissimo solo per questioni di sicurezza (per evitare di inciampare insomma) e pulizia. Il telaio superiore invece lo segnalo per questioni di estetica e per evitare problemi a persone molto alte. Va da sé che se in casa si è tutti “normalmente bassi” come me 🙂 la questione non si pone.

Zona doccia davanti alla finestra

Un modello di box doccia scorrevole con telaio extra sottile (soli 17 mm) che sarebbe perfetto per chiudere una zona doccia davanti alla finestra: Zen di Megius. L’altezza di 2 metri non dovrebbe creare problemi per l’ingresso.

TIPOLOGIA DI PORTA

Veniamo alla scelta del modello di porta più comodo quando si ha la doccia davanti alla finestra.

Elencherò alcuni modelli che possono essere utilizzati e vi evidenzierò quelli che per me sono i 3 più comodi in assoluto (spiegandovi i motivi).

  • Vetro fisso / Separè
  • Porte con apertura / chiusura a saloon
  • Porte scorrevoli con telaio sottile
  • Porte battenti con possibilità di apertura delle ante verso l’interno
  • Porte pieghevoli (meglio se senza telaio)
  • Porta battente classica (vedi note)

 

Zona doccia davanti alla finestra: modelli di apertura più adatti

Credits | Zona doccia davanti alla finestra: un esempio di una porta scorrevole con telaio sottile (il modello non mi fa impazzire ma è utile per vedere la soluzione scelta). In questo caso la presenza del binario inferiore non dà fastidio perché c’è già il piatto, l’apertura è ampia quindi la finestra è accessibile. E se non ci sono persone alte in famiglia il binario superiore potrebbe anche non infastidire l’ingresso in doccia. Esteticamente non mi piace molto la parte alta invece!

La porta battente classica, che teoricamente può essere installata, ha due svantaggi: aprendo solo verso l’esterno necessità di spazio davanti alla zona doccia, e per arieggiare il bagno dovrebbe restare sempre aperta. Consideratela solo se la stanza da bagno ha anche altre finestre (raro ma possibile!). O se, come nella foto che segue, la finestra è grande e magari più alta della porta doccia. Personalmente, visti gli altri modelli disponibili, la escluderei.

 

Zona doccia davanti alla finestra:

Credits | Zona doccia davanti alla finestra: porta battente in vetro satinato. Vedete l’effetto che fa rispetto ad un vetro trasparente? Ecco, a me non piace, e per quello vi parlavo della trasparenza, ma è questione di gusti.

 


 

Riassumendo, i 3 modelli di porta più adatti per la doccia davanti alla finestra sono:

 

  1.  Vetro fisso / separè che divide senza chiudere (adatto soprattutto per nicchie doccia ampie, altrimenti la fuoriuscita d’acqua sarà copiosa)
  2. Porte a saloon e/o con ante apribili verso l’interno della nicchia doccia (in questo modo potete lasciarle sempre aperte senza che diano fastidio)
  3. Porte pieghevoli (dette anche “a libro” o “a soffietto”)

Pensandoci meglio, un numero 4 ci sarebbe: la tenda doccia, di cui sapete sono fan!


Un separè perfetto senza braccetti di sostegno: Mur by Megius

Se mi seguite da un po’ avrete già visto che quando si parla di box doccia vado sempre a sbirciare nel sito Megius per trovare un modello perfetto per l’argomento del post. Bene, stavolta ho trovato qualcosa di diverso che mi pare si adatti bene: un separè in vetro 8 mm altezza fino a 3 metri.

Immaginandolo davanti alla finestra, il vantaggio è quello di non avere il braccio di supporto in alto, nel caso questo possa dare fastidio a persone alte. Esteticamente potete ben immaginare la differenza rispetto ad altri modelli!

Doccia davanti alla finestra: perfetto il separè tutta altezza Mur di Megius, vetro 8 mm, altezza fino a 3 metri.

Una nota sulla finestra nella doccia:

Sarebbe bene che il telaio della finestra collocata nella doccia non fosse di legno ma in alluminio o pvc, onde evitare ovvi problemi.

Il vetro opaco nel serramento potrebbe essere un ulteriore aiuto per motivi di privacy ma lì dipende dall’affaccio della finestra.

 

Per approfondire: 

⇒ Un post di Design Outfit sullo stesso argomento con tante altre foto

⇒ Un mio post di qualche tempo fa sul box doccia a tutta larghezza (in quel caso non parlavo necessariamente di nicchie con finestra)

 

Zona doccia davanti alla finestra

Ultima ispirazione per la Zona doccia davanti alla finestra: stavolta si tratta di un’area doccia + sanitari realizzata con il sistema SoloDoccia di Megius. Cristalli h 230, porta scorrevole per l’ingresso e laterale fisso per proteggere la zona più umida. [Italia, Bergamo. Design Studio Citterio | Credits: Megius]